-->
 
NEWS E COMUNICATI
.: ARCHIVIO NEWS ::.
 
 
 
LE SANTE SPINE

Le reliquie preziose, delle Sacre Spine, rappresentano un tesoro inestimabile per la diocesi di Ariano Irpino-Lacedonia. La millenaria tradizione e il forte culto dei devoti arianese hanno messo in rilievo l’aspetto tradizionale e taumaturgico.

Oggi di spine sacre se ne contano a centinaia. Monsignor Giovan Battista Alfano, nella sua opera Sante Spine della Corona di Nostro Signore Gesù Cristo, del 1932, ne ha citate 110, presenti nelle sole chiese italiane. Tra le più conosciute sono quelle di Santa Croce in Gerusalemme a Roma, che la tradizione vuole siano state donate da sant'Elena; le Sacre Spine di Fermo; quella venerata nella Cattedrale di Andria, dono alla città pugliese di Beatrice d'Angiò, figlia di Carlo II. E’ notorio che le Spine di Ariano Irpino, secondo la tradizione furono probabilmente donate da Carlo D’Angiò, nel sec. XIII e che custodite in un artistico reliquiario del sec. XIII-XVI sono dello stesso ceppo di quelle di Andria, quest’ultime furono assegnate in dote alla figlia Beatrice d’Angiò sposata con il conte di Andria Bertrando del Balzo nel 1308. Nella diocesi di Andria si è celebrato l’anno giubilare del perdono "Memoria Passionis". E’ stato accertato dalla chiesa il fenomeno inspiegabile dell’arrossamento della punta delle spine, dove sono osservabili tracce di sangue. Andria, inoltre, possiede l'insigne reliquia della Sacra Spina (una spina che porta tracce di sangue che si ravvivano nell'anno in cui il Venerdì Santo coincide con l'Annunciazione del Signore - 25 marzo -).
Il fenomeno è avvenuto negli anni 1910, 1922, 1932, mentre quello presunto di Ariano il 25 marzo 1932, anche nel giorno del 25 marzo 2005 si è ripetuto il prodigioso evento del arrossamento e dell’inverdimento della medesima. Si auspica un gemellaggio tra la nostra diocesi e quella di Andria, la storia, la devozione, lo stesso antico officio accomuna questa due chiese locali.

CONTINUA...

 
Associazione Sante Spine Onlus © 2007 - All right reserved - c.f.: 90008580640 | WEBMAIL | DATI ANAGRAFICI AZIENDALI